BORBONI CIOCIARI O CIOCIARI BORBONI?

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in TERRA DI LAVORO

Il ciociaro può essere romano o napoletano o, secondo alcuni, anche abruzzese, veniva individuato anche come campagnolo (Campagna romana) o come regnicolo (Regno di Napoli), come papalino (Stato della Chiesa) o borbonico (regno di Napoli): il ciociaro può parlare romano o napoletano o anche cinese e turco, può mangiare la pizza o i carciofi alla […]

CIOCIARIA E TERRA DI LAVORO

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in TERRA DI LAVORO

  Il pregnante termine ‘ciociarità’ fu coniato da quell’illustre ciociaro che fu Anton Giulio Bragaglia, ci informa il libro “CIOCIARIA SCONOSCIUTA” di Michele Santulli, e la ciociarità folklorica, per intenderci, del Cassinate, del Sorano, del Fondano, della Valle di Comino, non ha bisogno di alcuna dimostrazione, tanto essa è connaturata con i luoghi in questione. […]

CIOCIARITA’ DI TERRA DI LAVORO SETTENTRIONALE

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in TERRA DI LAVORO

La fascia settentrionale di Terra di Lavoro era rappresentata essenzialmente, con riferimento al territorio ciociaro, dal Cassinate e suo retroterra (Aquino, Arce, ecc.), dal Fondano (Itri, Fondi, Lenola, ecc. ), dalla Valcomino (Atina, Alvito, ecc.) e dal Sorano (Arpino, Isola, ecc.): il fatto che si trovasse alle estreme propaggini del Regno ebbe come conseguenza che […]

SAN BENEDETTO, IL LAVORO E IL GOTO

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in TERRA DI LAVORO

Nel Vecchio Testamento il lavoro dell’uomo, quando diventa una componente esistenziale degna di essere menzionata, è considerato sempre una condanna, “guadagnerai il pane col sudore della tua fronte”, una oppressione, uno sfruttamento pauroso, lavori forzati a ritmi opprimenti sotto lo scudiscio di guardie feroci, come accadde al popolo di Israele, “un campo di lavoro” ante […]