NATURA E AMBIENTE

“PORCO, MAIALE!” “SEI UNA BESTIA!”

Pubblicato il

Sono queste le parole dolci che sono volate giorni addietro nel luogo più solenne della Repubblica Italiana cioè nel Senato, tra una senatrice e un senatore, Padri Costituenti, modelli di civiltà. I commenti a tale episodio a dir poco sconfortante, li esprima ognuno di noi per conto proprio. Quanto al contrario merita una doverosa non tanto riflessione quanto contestazione è il fatto che per insultare al peggio un bipede indegno e lurido, si ricorra normalmente e  comunemente alla figura di un mite e innocuo quadrupede. Forse che qualcuno di noi nel mondo e in tutta la storia dell’uomo ha mai visto  un maiale/porco/suino fare i gesti e  le smorfie che ha fatto anzi hanno fatto, due padri costituenti? Certi comportamenti, citazioni, le più feroci, le più oscene, le più perverse le commettono solamente e unicamente gli uomini, da che mondo è mondo e solo loro arrivano a certi gradi di nefandezza,  di crudeltà,  di efferatezza: i poveri quadrupedi sono ingenui, timidi e timorosi: ne sono le vittime: le loro reazioni e comportamenti diciamo criticabili comunque mai perversi e depravati e crudeli,  si verificano solo quando si tratta di fame e di sesso, tale e quale come i bipedi, ma senza quelle perversioni e depravazioni tipiche degli uomini. Altrimenti per regola sono mansueti e umili, paurosi  e, quando avvicinati, diventano i più fedeli e più disinteressati amici dell’uomo, in cambio solo di un pezzo di pane. Cioè dare del ‘porco’ del ‘maiale’ della ‘bestia’ del ‘somaro’ del ‘cane’ ad un proprio simile bipede è solo risultato di incultura,  soprattutto di pregiudizio, ancora di più di: preconcetto, inculcati dall’ambiente in cui si vive, dall’inizio alla fine della esistenza. Se solamente si riflettesse, si capirebbe quanto incorrette e anacronistiche sono tali appellazioni. Gli animali e gli uomini dalla divinità sono stati considerati e trattati come uguali, sempre e dovunque: se il Padreterno la pensava diversamente alla guisa dei senatori della Repubblica Italiana, nell’arca di Noè  avremmo  tratto in salvezza solo i bipedi! Se il Buon Pastore la pensava come il senatore o la senatrice del Parlamento Italiano, non avrebbe abbandonato le  99 pecore per andare a ricercare quella smarrita! Facciamo in modo che questo Papa che si chiama,  ed è la prima volta nella Storia, Francesco, sia veramente di illuminazione e di luce: si chiama, quale coraggio! quale ardimento! come quel Francesco che aveva scoperto che aveva dei fratelli e delle sorelle  anche nell’altro regno animale,  tra i lupi, tra i cani, tra le stelle, tra i ruscelli, tra i conigli! Non vogliamo ricercare le cause come mai tanta involuzione e capovolgimento di valori soprattutto quasi completamente nel mondo cattolico: anche in questo caso le riflessioni le faccia ognuno di noi per conto proprio: è certo che nella religione cattolica parrebbe,  al cospetto di certe iconografie ricorrenti, che ammazzare gli animali è perfino liturgico. I paragoni e i raffronti possono essere talvolta sgradevoli ma ci si è mai chiesto perché la figura di San Francesco, pur essendo stato con la sua vita e il suo esempio, il santo più ’grande’  in realtà ha un palese minor valore diciamo oggi, mediatico? Perché è troppo impegnativo, è troppo scomodo, incute perfino  paura quel suo modo di agire! Quindi quelli più ameni e leggeri, non così impegnativi e difficili, hanno la preminenza: e perciò pellegrinaggi ad Assisi non si organizzano, da sempre ma da sempre, invece,  verso certe altre località..…Perché nessun papa in oltre dieci secoli si è mai chiamato Francesco?

Qui preme ricordare al lettore che i poveri animali che citiamo a esempio delle azioni più cattive e riprovevoli commesse invece dai bipedi, non sono loro che hanno inventato la crocifissione, l’impalamento, il bruciamento, l’impiccagione, la tortura e la sevizia, la inquisizione, la fine di Ugolino, la fine di Giordano Bruno, il bando e l’esilio, la tratta, la soluzione finale, ecc. Invero abbiamo paura a ripetere quello che dieci secoli fa osservava San Francesco: “fratello cane, fratello lupo, fratello sole, sorella luna…” forse perché  troppo meraviglioso, forse perché troppo difficile e scomodo. Perché? Perché noi vogliamo continuare a divorar  il mite agnello, il vitellino, il pollo, il maiale, perfino il cane e il serpente: li divoriamo  li mangiamo, senza minimamente stare a pensare. Con quale spirito si può mangiare un agnello, il simbolo di Gesù? Un agnellino? La conclusione è che al senatore della repubblica che fa i gesti depravati e osceni che solo il bipede conosce e di cui è maestro esperto,  lo  innalzeremmo  e gratificheremmo chiamandolo ‘porco, maiale’: chiamiamolo invece come merita veramente,  sostanzialmente: ‘Che grande uomo!’ Questa è la vera graffiante offesa e biasimo. Oppure più icasticamente, più terra terra,  ricordiamogli quello che veramente è: un otre di merda! Non si è chiesto il conforto di Darwin, di Lorenz, del Dio biblico e i suoi sacrifici perché le conseguenze   non sarebbero mutate.

Michele Santulli

 

 

Lascia un commento